Pagine

martedì 27 dicembre 2011

Torta Natale 2011



La ricetta che ho usato è sempre questa  (Red Velvet Cake) con delle varianti:
  • non ho messo il colorante rosso nell'impasto della torta
  • ho raddoppiato gli ingredienti per la crema
  • invece del Crème de crème Müller (che non trovo più) ho usato panna acida
  • per la copertura ho aggiunto pochissimo colorante blu.
I fiocchi di neve sono fatti in pasta di zucchero con questa ricetta.

lunedì 26 dicembre 2011

Crêpes di rapa rossa

1 barbabietola (rapa rossa) già cotta
1 spicchio aglio
180 g farina
2 uova
375 g latte
30 g burro fuso
sale
pepe

Per riempire:
funghi
aglio
olio
sale
pepe

Inoltre:
besciamella
formaggio parmigiano grattugiato

Tritare la barbabietola con l'aglio.
Formare con tutti gli ingredienti una pastella e lasciare riposare 30' in frigorifero.

Preparare il ripieno delle crêpes facendo cuocere tutto da crudo.

Preparare la besciamella.

Togliere la pastella dal frigorifero e cuocere le crêpes. Farcirle con i funghi. Arrotolarle e disporle in una teglia.
Coprire con besciamella e parmigiano grattugiato.
Cuocere in forno fino a quando si sarà formata una bella crosticina.

mercoledì 21 dicembre 2011

Campana speziata


Ho usato il "SET TAGLIAPASTA A CAMPANA linea Delicia" della Tescoma e la ricetta contenuta nella confezione.

Ingredienti per 2 campane:
1 uovo piccolo
160 g farina
50 g zucchero a velo
40 g miele intiepidito
1 cucchiaino bicarbonato
1 pizzico cannella macinata
1 pizzico chiodi di garofano macinati
albume per spennellare

Per la glassa:
zucchero a velo
albume

Mescolare tutti gli ingredienti e far riposare in frigorifero almeno per 2 ore (nella ricetta c'è scritto che l'impasto può essere conservato in frigorifero fino a 14 giorni).
Stendere in modo da ottenere uno strato di 2-3 mm. Io, per fare lo spessore uniforme, mi sono aiutata mettendo 2 spiedini di legno (2 mm), uno per parte al matterello. Sembrano bassi ma cuocendo gonfiano e la misura è giusta.
Ritagliare le forme, spennellare con albume leggermente sbattuto e cuocere in forno a 150°C fino a doratura.
Far raffreddare e decorare con la glassa.
Infilare un nastrino e comporre la campana.

Ho triplicato la dose e ho fatto anche dei biscottini che ho decorato con la stessa glassa.

Biscotti al vin santo e uvetta

500 g farina 00
200 g vin santo
200 g zucchero
200 g uvetta sultanina (ho usato uvetta gigante)
200 g olio di semi di mais
100 g pinoli (mandorle o noci)
1 lievito
1 pizzico sale
zucchero a velo

Impastare tutti gli ingredienti, formare dei mucchietti (non importa formare delle palline), cuocerli in forno a 180°C per circa 15'.
Farli raffreddare e spolverarli con zucchero a velo.

Ricetta più o meno simile trovata on line in vari posti.

lunedì 12 dicembre 2011

Foglie di lauro ripiene di frutta secca





Ricetta di Giovanna, mia mamma.

250 g fichi secchi
400 g uvetta sultanina
125 g mandorle
100 g pinoli
150 g nocciole
200 g miele
1 pizzico semi anice
foglie di alloro (lauro)

Tritare mandorle e nocciole.
Tagliare a pezzetti i fichi.
Ammollare l'uvetta in acqua tiepida.
Mescolare il tutto e formare dei dolcetti della dimensione di una foglia di lauro (alloro).
Appoggiare su una foglie e ricoprire con un'altra foglia.

Crauti Paolo

Scolare i crauti in scatola dal liquido di conservazione, strizzarli con le mani e metterli in un tegame con olio, sale, pepe e peperoncino.
Ricoprire con acqua e far cuocere fino a quando si sarà ritirata.
Servire come contorno a costine di maiale arrostite o wusthel.

---------------------


Pancetta
cipolla
crauti in scatola
olio
dado

Ho rosolato la pancetta, ho aggiunto olio e ho fatto rosolare anche la cipolla.
Ho sciacquato e scolato i crauti, li ho aggiunti nel tegame, ho ricoperto a filo di acqua, ho messo il dado e ho fatto cuocere fino a quando è evaporata.
Ho servito come contorno al maiale.

Risotto con radicchio trevisano



Riso superfino
radicchio tardivo di Treviso
cipolla
brodo

olio
sale
pepe

burro
parmigiano

Tritare la cipolla e farla rosolare nell'olio.
Aggiungere il radicchio a pezzetti e farlo appassire velocemente.
Tostare il riso, aggiungere il brodo in quantità pari a tre volte il volume del riso e far cuocere.
Togliere dal fuoco e mantecare con burro e parmigiano.
Servire all'onda.

sabato 10 dicembre 2011

Carpaccio di scamorza e funghi champignons


1 scamorza normale e 1 affumicata
funghi champignons
prezzemolo
sedano
pomodorini
limone
olio, sale, pepe

Affettare i funghi sottili, tagliare a rondelle del sedano, condirli con succo di limone, sape, pepe e olio e lasciarli ad insaporire per 30' circa.
Affettare le scamorze e disporne su un piatto.
Distribuire sopra i funghi con il sedano, pomodorini a pezzetti e prezzemolo tritato.
Ancora un giro di olio e servire.
 
Ricetta fatta l'anno scorso in estate e mai messa nel blog. L'avevo trovata su una rivista ma non ricordo quale.

sabato 26 novembre 2011

Crostatine sbriciolate con nutella



Ho fatto tante mini crostatine (pirottini Ø 8 cm) invece che un'unica crostata, ho usato farina bianca e ho messo noci e mandorle invece delle nocciole.
Ancora più buona il giorno dopo.

Crostata Sbriciolata alle Nocciole - ricetta di MarinaB con variante alla Nutella di Elisabetta69 del forum di Coquinaria


200 gr farina 0 (oppure avanzi di Kamut, saraceno, grano duro, segale, castagne, riso ecc. o mix di farine)
120 gr zucchero (oppure zucchero di canna)
160 gr nocciole tritate finemente (oppure mandorle, noci, pinoli o mix)
130 gr burro morbido
3 tuorli
2 cucchiaini di lievito in polvere
cannella qb 
pizzico di sale
marmellata a scelta 


Mescolare assieme tutti gli ingredienti secchi, aggiungere al centro il burro e i tuorli e lavorare velocemente con la punta delle dita fino ad ottenere un composto ben amalgamato. Riposare in frigo per almeno mezz’ora, meglio se un’ora!
Versare ¾ dell’impasto in una tortiera ad anello rivestita di carta forno e premere bene con le mani l’impasto per distribuirlo uniformemente; versare la marmellata a cucchiaiate (1 vasetto da 250 gr) e con il dorso del cucchiaio distribuirla bene; ora in modo disordinato versare a pioggia i bricioloni del rimanente impasto sulla marmellata; deve essere tutto piuttosto irregolare, tuttavia cercate di coprire la marmellata.
Infilare la tortiera in forno caldo (160 gradi) per ca. 35-40 minuti.

giovedì 17 novembre 2011

Ciambella "Nessun dorma"







Il 7 ottobre di quest'anno hanno ricominciato con il loro impegno sociale i ragazzi dell'Associazione "Nessun Dorma", presso Circolo Arci Dino Manetti, Via F.Baracca n.2, San Piero a Ponti - Località Indicatore (FI).
Mio figlio è uno dei volontari.
Potete leggere di più nel blog o su facebook.

Per festeggiare avevo preparato questa torta.

glassa (zucchero a velo, acqua, colorante verde)

lunedì 14 novembre 2011

Alchermes, un liquore rosso



600 g alcool 95°
600 g zucchero
g 10 cannella
g 3 macis
2 chiodi garofano
g 2 anice stellato (fiori)
10 granelli cardamomo
scorza di un'arancia
mezza stecca di vaniglia
300 g acqua + 500 g

g 10 cocciniglia (o poco colorante E122, aggiunto solo alla fine)
100 g acqua di rose (o aroma naturale di rosa diluito in poca acqua)

Incidere la vaniglia e pestare nel mortaio le spezie.
Mettere tutto in un vaso di vetro a chiusura ermetica con l’alcool e 300 g di acqua.
Tappare e lasciare in infusione per circa 2 settimane, scuotendo un paio di volte al giorno.
Sciogliere a freddo lo zucchero nei 500 g di acqua e aggiungere agli altri ingredienti.
Agitare bene e tenere in infusione ancora per una settimana.
Filtrare e aggiungere l’acqua di rose e, se non avete messo la cocciniglia, il colorante rosso.

Fonte: Qualcosa di rosso (tratto da: "il grande libro della vera cucina toscana" di Paolo Petroni).

Ho trovato l'acqua di rose in erboristeria di Scandicci.
Il macis e la cocciniglia nella spezieria "Bizzarri" di Firenze.

venerdì 11 novembre 2011

Lupini




lupini secchi
acqua
sale

Tenere i lupini a bagno nell'acqua per 12 ore (una nottata).
Cuocere per 1h e 20' (1h e 30'), scolare.
Metterli in acqua fredda per circa 5 giorni, cambiandola 3 volte al giorno.
Si conservano in acqua salata.

Ricetta della signora Rosa.

lunedì 31 ottobre 2011

Dolci creazioni di Lucy e Luca

La torta che ha fatto la mia amica Lucy per il compleanno del suo bambino.
Mi piace tantissimo la sua torta.
Base e copertura.
Macchinine.
Circuito in cioccolato plastico.
Erba in panna montata colorata.
Solo i caschi non sono edibili ma sono giocattoli.



Questi biscottini invece li ha decorati Luca, il bimbo di Lucy.
Non sono bellissimi?
Bravo Luca!
Sono simil-oro saiwa con la scritta MTB Zegna, fatti con lo stampo Brigitte, decorati con smarties e baffetti di cioccolato.

Muffins fatti e decorati da Lucy

giovedì 27 ottobre 2011

Torta di ricotta

650 g ricotta
5 uova
105 g zucchero
1 limone succo e scorza grattugiata

Ho cotto in forno a 170°C, per 40', in una teglia di 26 cm di diametro.

Ricetta di Acquabianca che ho adattato alla quantità di ricotta che avevo.

martedì 18 ottobre 2011

Torta al cioccolato


Ricetta di Federica del forum di Coquinaria.
Fra parentesi gli ingredienti pesati da me. Invece del Sassolino ho usato liquore al caffè.

280 g zucchero
200 g farina
150 g burro
100 g cioccolato fondente
3 cucchiai rasi cacao in polvere (20 g)
4 uova
1 bicchierino di Sassolino (o di rum) (10 g)
1 bicchiere di latte (200 g)
1 lievito

Albumi montati a neve.
Montare burro con lo zucchero, aggiungere gli altri ingredienti.
Unire delicatamente gli albumi
Ho cotto in uno stampo di silicone, in forno a mezza altezza, a 150°C per 40' e a 180°C per 10'.
Lo stampo che ho usato è la rosa Pavoni che ha un diametro interno di 27 cm.
---------
25.10.2011: fatta di nuovo e farcita con 250 g mascarpone e 100 g nutella
27.02.2012: Federica consiglia una tortiera di 24/26 cm di diametro.

lunedì 3 ottobre 2011

Cipolle in agrodolce

Ricetta di Annamaria Romano del forum di Coquinaria.

"CIPOLLE IN AGRODOLCE
Se sono piccole si lasciano intere, se sono grandi si tagliano a quarti.
Si mettono in un largo tegame, con olio, sale e pepe in abbondanza, un poco di acqua e fuoco non troppo forte, con coperchio.
Quando sono un po’ cotte, ma non troppo, si versa un cucchiaio di zucchero e 1/2 bicchiere di vino bianco, o, in alternativa, 1 cucchiaino di aceto balsamico TRADIZIONALE, si alza il fuoco, si toglie il coperchio e si fa "caramellare".
Sono pronte quando sono velate di marroncino e rimane nella padella un po’ di sughetto.
Sono ottime sia calde che fredde."

Ho usato aceto balsamico. Molto buone e appetitose.
Grazie Annamaria! Ciao

lunedì 26 settembre 2011

Mousse au chocolat gelatina caffè

Ricetta di Pinella del forum di Coquinaria che ho fatto tanto tempo fa e non avevo mai messo nel blog.

"Questo dessert è una mousse al cioccolato fondente con interno di gelatina al caffè di P.Hermés

300 g di cioccolato fondente al 72%
500 g di panna montata
2 uova intere
5 tuorli
140 g di zucchero semolato

Fate fondere il cioccolato fondente e poi portatelo a circa 40°C. Fate bollire lo zucchero prima inumidito con un po’ d’acqua e portatelo a 121°C. Quindi versatelo a filo sulle uova e i tuorli per ottenere una massa spumosa e gonfia. Lavorate possibilmente in planetaria fermando la lavorazione quando la crema è ben montata ma fredda.
Quando il cioccolato ha raggiunto la temperatura indicata, fluidificatelo con una cucchiaiata di panna allo scopo di alleggerire la massa, poi ultimate la lavorazione aggiungendo la restante panna con molta attenzione.
Infine, unite la montata di uova, sempre con la stessa lavorazione.

Gelatina al caffè
125 g di caffè espresso
20 g di zucchero
3 g di gelatina in fogli

Fate idratare la gelatina in acqua ghiacciata. Asciugatela con un foglio di carta e stemperatela nel caffè caldo zuccherato. Distribuite la gelatina in piccoli stampi a semisfera in silicone e fate rapprendere in frigo/freezer.

Preparazione:
In stampi monoporzioni rivestiti di acetato, adagiate un disco di biscotto, a vostro piacere purché al gusto cioccolato. Stratificate fino a metà altezza la mousse, fate raffreddare per 10 minuti in freezer, poi adagiate una semisfera di gelatina ricoprendo il tutto con la restante mousse. Livellate e abbattete di temperatura.
Al momento dell’uso, estraete la monoporzione almeno una mezz’ora prima del servizio."

giovedì 22 settembre 2011

Yorkshire pudding

Ho visto la ricetta nel blog di Luisa e mi sono ricordata che era tanto che ci volevo provare.
Luisa aveva visto la ricetta nel blog di Loriana.
Ho seguito quindi la ricetta di Lory ma ho fatto una dose da due uova per paura che non ci piacesse.
Ho sbagliato perché sono buonissimi!
Loriana scrive che: " Il più importante è il calore, dovrete usare uno stampo da muffin in cui verserete 3 cucchiaini di olio per ogni forma, inserire il tutto nel forno freddo alzare la temperatura al massimo e lasciare così sino a quando non sentirete "sfrigolare" l'olio all'interno delle forme, a questo punto dovrete procedere molto velocemente per non far scendere troppo la temperatura del vostro stampo, una volta pronto il vostro impasto mettetelo in un boccale in modo da facilitare questo passaggio, versate un po' della pastella dentro ad ogni forma dovrà essere meno della metà mi raccomando perché cresceranno molto, fate tutto molto velocemente rimettete in forno sino a cottura ..

Io dopo 10 minuti di cottura controllo che si siano formati i buchi in alcuni casi ho usato un cucchiaio di legno per abbassare un po' il centro di quelli un po' troppo pienotti ;-)
Una volta cotti e freddi se non li usate subito vi basterà conservarli in un contenitore ermetico riposto in frigorifero.
La ricetta è davvero di una facilità disarmante provateli perché sono davvero deliziosi!
Questa dovrebbe essere una ricetta di J.Oliver!"

Io ho messo la teglia nel forno spento e ho acceso alla massima temperatura (270°C) ma arrivata a 240°C l'olio fumava troppo e ho preferito mettere l'impasto e procedere con la cottura. Penso di aver fatto bene perché i miei sono venuti comunque più abbronzati di quelli di Loriana.
Nella mia teglia con 12 impronte, ho cotto 7 Yorkshire pudding ma credo che ne avrei potuti fare anche 8 perché ho abbondato con la dose. Penso anche che la dose da 3 uova sia giusta per fare 12 pudding.
Ho cotto quindi 15' a 240°C poi ho abbassato a 160°C e ho cotto ancora 5'.
La forma dei miei è venuta strana: qualcuno a cilindro forato e qualcuno più aperto. Chissà perché! Sicuramente ho messo troppo impasto.

La ricetta:
2 uova
83,3 g farina
190 ml latte
sale

olio di semi di arachide per lo stampo

In totale 350 ml di impasto.

Si fa una pastella frullando uova, farina, latte e sale e si fa riposare 40' in frigorifero.
Si cuoce 15' a 240°C e ancora 5' a 160°C.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...