Pagine

lunedì 15 maggio 2017

Panfoglia







500 g farina di grano tenero W 330 Molino Rossetto
35 g lievito madre Molino Rossetto
15 g sale
10 g zucchero
350 ml acqua a temperatura ambiente
5 g malto diastasico Molino Rossetto

Ho seguito quasi completamente la ricetta che ho trovato sulla scatolina del lievito madre (io ho aggiunto 50 ml di acqua e il malto diastasico).
Ho cominciato la sera.
Ho mescolato la farina con il sale, lo zucchero, il malto e il lievito, ho aggiunto l'acqua e ho impastato.
Ho diviso l'impasto a metà, perché per noi sarebbe stato troppo: una parte l'ho messa nel congelatore e una parte nel frigorifero fino alla mattina dopo.
Stamani ho fatto lievitare a temperatura ambiente poi ho cominciato a fare delle pieghe.
Ho formato un filoncino e ho steso con il matterello circa un terzo di impasto per il lungo.
Ho tagliato per dare la forma di una foglia con un tagliapasta tondo, ho unto con olio di oliva evo circa 1 cm del bordo della foglia dalla parte interna e ho sovrapposto all'altro impasto.
Accendere il forno a 210°C mettendo sul fondo un contenitore con acqua.
Lasciare ancora lievitare, spolverare con farina fatta cadere da un setaccio e fare i tagli.
Nel primo pomeriggio ho infornato a 210°C.
Ho cotto per circa 50' riducendo via, via la temperatura del forno fino a 150°C e fino alla cottura che noi preferiamo.

La mia pagnottina/filoncino è venuta di circa 400 grammi.

Per questa mia prova mi sono ispirata ai pani spettacolari di Josep Pascual. Cercatelo su internet, rimarrete stupite da quello che riesce a fare.

sabato 13 maggio 2017

Girasole di insalata russa



200 g insalata russa
mais lessato
semi di papavero
Cipster patatine soffiate

Rivestire una piccola ciotola con pellicola trasparente, versarvi l'insalata russa, compattandola bene con un cucchiaio.
Mettere per cinque minuti nel congelatore.
Sformare su un piatto, togliere la pellicola e decorare con mais, semi di papavero e patatine soffiate.

Con questa dose io ci ho cenato, penso quindi che come antipasto sia sufficiente per due persone, altrimenti lo possiamo fare più grande e decorare con patatine Pringles (quelle nel tubo).

Da un'idea della mia amica Stefania.

giovedì 11 maggio 2017

Sfogliata di pesche con crema di mandorle



1 rotolo di pasta sfoglia da banco frigo
zucchero a velo

100 g mandorle spellate
80 g latte condensate
80 g yogurt greco magro
scorza limone grattugiata

5 pesche a pasta rossa
2 cucchiai confettura di pesche

Aprire la pasta sfoglia e tagliarne un disco di circa 26 cm di diametro, in modo da far avanzare un anello di circa 1,5 cm, che servirà per fare il bordo alla crostata.
Spennellare il bordo del disco con poca acqua, sovrapporre l'anello pizzicandolo in modo da formare un decoro (meglio spennellare anche l'anello con l'acqua perché in cottura non conserva la forma).
Bucherellare il fondo con una forchetta, spolverare con abbondante zucchero a velo e infornare per 20' circa a 180°C.
Lasciar raffreddare.

Per la crema
Immergere le mandorle in acqua e lasciarle riposare per qualche ora.
Scolarle e trasferirle nel bicchiere di un mixer con lo yogurt greco, il latte condensato e un cucchiaio di acqua.
Frullare aggiungendo eventualmente anche un po' di succo di limone.
Unire anche la scorza grattugiata.

Spalmare la crema sulla base cotta e  disporre sopra le fettine di pesca messe a spirale (Natalia dice che si possono usare anche fragole o altra frutta).

Per glassare, sciogliere la confettura di pesche con un po’ d’acqua in un pentolino e spennellare le pesche.

Conservare in frigorifero.

Ricetta di Natalia Cattelani, vista a "La prova del cuoco".

Involtini di salmone fresco


fettine sottili di salmone fresco
formaggio spalmabile
asparagi
olive verdi snocciolate
limone
pane a cassetta
olio
sale e pepe

Lessare gli asparagi, ricavarne dei bastoncini per farcire le fette di salmone, condire con scorza di limone, sale e pepe.
Tritare con il mixer le fette di pane a cassetta e lasciare da parte.
Amalgamare in una ciotola le olive tritate, con la scorza del limone grattugiata e il formaggio, salare e pepare.
Stendere le fette di salmone, spalmarle con il formaggio preparato, aggiungere un bastoncino di asparago e arrotolare. Passare nel pane a cassetta tritato.
Mettere un po' di olio in una teglia da forno, adagiarci gli involtini di salmone e cuocere in forno a 180°C per circa 20'.
Servire con asparagi lessati e conditi con olio, sale e pepe.

Nella ricetta originale, trovata su "Cucina no problem" c'era anche il timo che io non ho messo.

sabato 29 aprile 2017

Cipollotti arrostiti di Tiziana


Cipollotti
olio
sale
pepe
aceto

Tagliare i cipollotti a fette e arrostire su una padella, girando spesso per evitare che si brucino.
Condire con olio, sale, pepe e poco aceto.

mercoledì 12 aprile 2017

Sbriciolata pere e Nutella



400 g farina
1/2 bustina lievito
130 g zucchero
170 g burro morbido
1 pizzico sale
2 uova
1 limone scorza

250 g Nutella

400/500 g pere conference
20 g zucchero
30 g burro

Sbucciare le pere, tagliarle in quattro spicchi e poi a fettine.
Metterle in una padella con il burro e lo zucchero.
Far cuocere fino a quando tutto il liquido si sarà ritirato.

Formare dei bricioloni, mescolando con le mani la farina con il lievito, lo zucchero, il burro, il sale, le uova e la scorza grattugiata del limone.

Imburrare uno stampo di 26 cm Ø, rivestire il fondo con carta forno e versare sopra circa la metà dell'impasto sbriciolato, compattandolo leggermente con le mani.
Distribuire sopra a tutto la Nutella, aiutandosi con un cucchiaino.
Distribuire anche le pere cotte e coprire con le restanti briciole.


Cuocere in forno a 180°C per 30/40'.

lunedì 3 aprile 2017

Crema di carote e zenzero con cialdina al nero di seppia


Per la crema di carote e zenzero (ricetta di Luca Montersino)

500 g carote 
300 g patate 
100 g porri 
1 l brodo vegetale 
sale e pepe 
50 ml olio evo
50 g burro 
400 g gamberoni 
50 g zenzero fresco
prezzemolo

Tritare il porro e soffriggerlo nell'olio.
Tagliare a cubetti le patate e le carote e unirle al porro. Soffriggere leggermente, salare, pepare e unire il brodo e il prezzemolo tritato.
Coprire con un coperchio e cuocere per ca un'ora.
Fuori dal fuoco aggiungere il burro, lo zenzero tritato e tritare con un mixer a immersione.

Pulire i gamberi, inciderli per il lungo sul dorso e togliere l'intestino. Cuocere velocemente con poco olio (Montersino consiglia a vapore).

Servire la crema di carote disponendo sopra i gamberi e dello zenzero grattugiato.
Guarnire con un filo d’olio e prezzemolo tritato.

.



Per le cialdine

180 g acqua
40 g olio evo
20 g farina 00
1 bustina nero seppia da 4 g
sale e pepe

Inserire tutti gli ingredienti in un contenitore alto e stretto e frullare con un mixer a immersione.
Non lasciar riposare questa emulsione altrimenti i liquidi si separeranno dalla farina.
Usare una padella di circa 14 cm di diametro. Scaldarla bene sul fuoco, versare un po' di emulsione e cuocere, per 6' circa, fino a quando l'acqua sarà completamente evaporata.
Appoggiare su un foglio di carta da cucina, togliere l'olio rimasto nella padella e continuare a cuocere le cialdine.


Credo che se non mi avessero telefonato poco prima di cuocere le cialdine e non mi si fosse rotto il mixer proprio al momento di rifrullare, sarebbero venute meglio ma sono comunque soddisfatta del risultato ottenuto visto che era la prima volta che le facevo.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...